martedì 22 maggio 2018

pesto di pomodori secchi, ricotta e noci macadamia con olio al peperoncino



e siccome manca poco alle vacanze, diamo fondo alle scorte salentine e facciamo spazio alle nuove forniture di pomodori secchi che ci faranno compagnia durante il prossimo inverno.
quindi andiamo di riciclo, oli ne abbiamo di tutti i gusti, finiamo il pacchettino di macadamia aperto in dispensa, apriamo il frigo, la feta non ci sta, il pecorino romano è troppo.... ricotta... perfetto! ed ecco qua uno dei miei "svuotafrigo": ricetta "a cazzo", che sono quelle che mi vengono meglio.
solo ne è venuta una dose bella abbondante, e ci hanno mangiato fino a due piani sotto di noi.
e al mattino, soddisfazione immensa dall'amore della zia che ha molto apprezzato il mio pesto.

per 3 vasetti circa

250 gr ricotta fresca
60 gr noci macadamia tostate e salate
90 gr pomodori secchi sott'olio
40 gr olio extra vergine al peperoncino marina colonna
20 gr olio extra vergine di oliva bio
altro olio d'oliva per ricoprire il pesto nei vasetti.

con il bimby o un frullatore è un gioco da ragazzi. do la ricetta con il bimby, ma con il frullatore ioneè la stessa cosa.
mettere le noci nel bimby e sbriciolarle alla massima velocità per circa 30 secondi.
aggiungere i pomodori secchi e frullare il tutto per 40/50 secondi. riunire tutto sul fondo del boccale con una spatola e versare la ricotta e gli oli.
frullare alla massima velocità per un minuto o due, fino a che si ottiene una crema omogenea.
se necessario frullare un altro po'.



mettere nei vasetti sterilizzati riempiendo bene tutti gli spazi e ricoprire con olio extra vergine.
io lo conservo per un paio di settimane in frigo, sempre ben coperto di olio una volta aperto.
una volta usato per condire la pasta, aggiungere olio a crudo al bisogno.


volo a fare l'ultima sessione di gioco e di pappa alla mia bruttina in stallo (niente, non la vuole nessuno questo amore di gatto, e non sanno cosa si perdono!!!), poi metto su un bel risottino che con queste temperature invece che la prova costume mi viene da andare in cantina a prendere l'albero di natale.....
ci vediamo presto, ciao a tutti!!!!!

martedì 15 maggio 2018

frittata alla menta e semi di canapa con pecorino


buongiorno da questo maggio tardo autunnale che ci  accompagna già da giorni, in un susseguirsi di uscite mattutine in giaccavento, bagni turchi pomeridiani in macchina, bore triestine ad intermittenza e gite serali in kayak per raggiungere casa.
non dimentichiamo i lampi e tuoni notturni, con accompagnamento musicale di sirene di allarmi impazzitiper i cali di tensione.
bè, bello dai, si sta bene... se riesci a dormire un pò e a guarire dalla broncopolmite si può anche iniziare a pensare alle vacanze.
in attesa di un dolcino goloso vi lascio un'idea velocissima (visto che i tempo qui ce n'è sempre meno) per un pranzo o una cena last minute, magari sul divano come piace a noi ogni tanto.
per 2 persone

4/5 uova
5 cucchiai pecorino romano grattugiato
4 cucchiai semi di canapa decorticati melandri gaudenzio
5 foglie di menta fresca fresca strappata a pezzettini
olio extra vergine di oliva
sale e pepe bianco qb

naturalmente non sto a spiegarvi come si fa una frittata, ho sufficiente rispetto per l'essere umano da dare per scontato che tutti ne siano capaci.
basta sbattere tutti gli ingredienti tranne l'olio, che andrà ad ungere una padella antiaderente nella quale verrà cotta per pochi minuti la frittata, girandola a metà cottura.
aggiustare di sale e pepe bianco al bisogno.


un'idea velocissina, sana e gustosa per trasformare la solita frittata con l'aggiunta di pochi ingredineti, magari un pò insoliti.....



mercoledì 9 maggio 2018

torta di mele all'acqua e olio alla cannella


oggi bloccata in casa.
tempo demmerda e malo di testa a manetta, io così rimbambita in macchina non mi ci metto.
accompagnata la nanetta (ormai altra poco meno di me, che notoriamente non sono una pertica) a scuola, riordinato casa e pensato alla cena, mi sono presa cura della famiglia allargata dei mici.
eh si, si è riaperta la stagione degli stalli e ora da noi ospitiamo una micromicia di un anno, dolcissima e un filo monella, con problemi renali quindi incompatibile con la vita di gattile, che cerca casa  come figlia unica non potendo nutrirsi d'altro che di pappe specifiche per il suo problemino.
una volta finito di farmi graffiare, coccolare, leccare dalla mia bruttina ho pensato che si, quest'essere scesa per qualche ora dalla giostra degli impegni poteva trasformarsi in una buona occasione per tornare ai fornelli.
mi sono guardata intorno, ho fatto un veloce inventario degli ingredienti a disposizione, e mi sono lanciata nello sperimentare una torta senza burro.
gli oli aromatizzati mi strizzano l'occhiolino dalla dispensa, io li adoro e allora, cosa aspettiamo????
impastiamo!

per uno stampo diam. cm. 24

220 gr farina 0
200 gr zucchero di canna più altro sopra a piacere
2 uova
80 gr olio extra vergine di oliva alla cannella marina colonna
90 gr acqua a temperatura ambiente
1 bustina lievito per dolci
5 mele golden piccole
succo di 1/2 limone
zucchero a velo


lavare, sbucciare le mele e tagliarne 3 a spicchi e 2 a pezzetti.
bagnare il tutto con il succo di mezzo limone e mescolare.
setacciare la farina con il lievito.
nella planetaria, con la frusta, sbattere le uova con lo zucchero alla massima velocità, fino a che il composto diventa omogeneo, gonfio e soffice.
abbassare la velocità e al minimo e versare poco alla volta l'olio e poi l'acqua.
una volta incorporato il tutto aggiungere, sempre poco alla volta, la farina con il lievito.
togliere la frusta, aggiungere le mele tagliate a pezzetti e mescolare molto delicatamente con una spatola.
versare in una tortiera foderata di carta forno bagnata e strizzata.
non servirà livellare perchè il composto risulterà molto liquido.
disporre gli spicchi di mela a cerchi concentrici e spolverare con zucchero di canna a piacere.


infornare sulla griglia bassa del forno preriscaldato a 180° con funzione statica e proseguire la cottura per circa 60 minuti, controllando verso la fine con la prova stecchino.
quando lo stuzzicadenti uscirà asciutto dal centro della torta, il vostro pasticcio è cotto.
lasciar raffreddare e cospargere con zucchero a velo.

allestimento della tavola green gate

torta soffice, leggera e ricca di frutta, perfetta per la colazione o la merenda.
questo genere non è il mio preferito, sono più per cose pasticciose e meno sane, ma questa torta mi ha piacevolmente sorpreso: è golosissima, per niente stopposa e...... fa venir voglia di tagliarne un'altra fetta.
il che non è il massimo per la prova costume.
ma a noi questo argomento non interessa, quindi...... dov'è il coltello?
ci vediamo alla prossima, chissà quando!



martedì 10 aprile 2018

marmellata di mele e liquirizia zero calorie



no, meglio non commentare oggi perchè sarei polemica e insofferente, non ne posso più di tutta sta gente saccente, falsa, invidiosa e presuntuosa, che l'educazione non sa nemmeno dove stia di casa, che pensa che tutti gli altri siano fessi e che tanto hanno sempre ragione loro.
io non mi abbasso oltre che ho già mal di schiena, che vadano avanti per la loro strada.
grazie, io sono arrivata, scendo!
quindi mi limito a commentare la ricetta: idea "rubata" da una marmellata che mi ha regalato mia cognata, pressochè introvabile in commercio nella mia zona, lascia un meraviglioso sapore in bocca ed è una cosa che non smetteresti mai di mangiare.
detto da una che non ama la marmellata di mele.
quindi ho cercato una soluzione low calories.

per 1 vasetto come nella foto

500 gr mele golden
20 gr acqua
30 gr stevia in polvere (per la versione non light sostituire con 120 gr zucchero di canna integrale)
1/2 cucchiaini succo limone
1 cucchiaino piccolo polvere di liquirizia amarelli  (poi regolarsi a piacere)

nel bimby è un gioco per bambini: lavare e sbucciare le mele e tagliarle a cubetti.
metterli nel boccale con la stevia e il succo di limene e cuocere a 100° per 30 min vel. 1.
lasciare raffreddare.
aggiungere la liquirizia e frullare 1 min a vel.6/7.
versare nei vasetti e conservare per pochi giorni in frigo.



a me è piaciuta di più quella con lo zucchero di canna integrale, ma ho pensato di cercare una versione a calorie praticamente zero (tranne le poche dei frutti) per una colazione proiettata verso la prova costume, e devo dire che per essere light è decisamente buona.
sono arrivata a questa versione dopo alcuni tentativi per trovare la quantità di liquirizia secondo il  mio gusto: credo sia una cosa molto soggettiva e valga la pena di fare degli esperimenti segnando i quantitativi precisi, per raggiungere l'equilibrio perfetto per il nostro palato.



anche senza bimby è fattibilissima: basta tenere più o meno gli stessi tempi mettendo il tutto in una casseruola, lasciando comunque raffreddare prima di aggiungere la liquirizia e frullare.
avrete notato che questa è una versione da consumarsi subito, roba veloce.
se invece avere intenzione di conservarla a lungo bisogna aggiungere la liquirizia e frullare un attimo prima della fine della cottura e invasare ancora bollente in contenitori perfettamente sterilizzati. chiudere ermeticamente, ribaltare i vasetti e rimetterli in posizione diritta solo una volta completamente raffreddati a temperatura ambiente.
conservare poi in luogo fresco, asciutto e preferibilmente buio, e una volta aperta tenere in frigo.


vi saluto e vado a farmi calmare dalle fusa dei miei miao.
alla prossima, ciaooooooooo!!!

giovedì 5 aprile 2018

misto di verdure alla canapa con ricotta salata


e anche questa pasqua ce la siamo levata dai maroni.
peccato che appena torneremo dal mare saremo già tempestati di panettoni e sarà natale in un attimo.
in attesa dei prossimi trovatelli mi dedico un pochino alla cucina: ho tanti esperimenti da fare e ho già preparato una marmellata deliziosa, a calorie praticamente zero, che è nata dopo vari tentativi di copiare un dono che mi è stato fatto e che mi ha folgorato per il gusto dell'abbinamento.
mentirei se dicessi che l'ho replicato perfettamente, ma posso dirmi molto soddisfatta.
presto ve la propongo, poi vediamo se ha lo stesso effetto anche su di voi.
per il momento gustiamoci questi sapori particolari.
ve l'ho già detto che non riesco più a fare a meno della canapa?
ora che è arrivato anche l'olio sono in pace con il mondo!

per 3 persone

500 gr circa verdure miste (spinaci, erbette,scarola,indivia riccia, verza)
olio extra vergine di oliva sativa ai fiorio di canapa marina colonna
sale
semi di canapa decorticati bio melandri gaudenzio
90 gr circa ricotta salata

far bollire le verdure in acqua leggermente salata per circa 15 minuti.
(trovate anche in commercio bustoni con i misti di verdure già puliti e tagliati, pronti per essere bolliti, così si risparmia tempo)
scolare, lasciar raffreddare leggermente e strizzare con le mani per togliere l'acqua in eccesso.
condire con l'olio, mescolare bene e finire con i semi di capapa e una generosa grattugiata di ricotta salata.


più che una ricetta un'idea semplice e particolare, ottima sia calda che fredda, per un pranzo veloce in vista della prova costume o un contorno sano e gustoso.


vi auguro in anticipo un buon fine settimana, sperando che la pioggia ci grazi che non se ne può più.
sembra novembre.....
ciao, fate i bravi mi raccomando!

giovedì 22 marzo 2018

zucchine alla canapa con provolone dolce


evviva, la mia passione per la canapa viene premiata!!
vi presento oggi un olio straordinario, davvero diverso da tutti quelli aromatizzati che possiamo trovare in commercio: l'olio extra vergine di oliva ai fiori di canapa.
io adoro quello al limone, alla salvia, al rosmarino, tutta la gamma di marina colonna rappresenta davvero l'eccellenza della produzione italiana (e chi mi conosce sa che difficilmente mi sbilancio nonostante le mie poche collaborazioni siano severamente selezionate), ma per quest'olio mi sento di esprimere un entusiasmo incontenibile perchè è davvero particolare e non vedo l'ora di sperimentarlo in diverse soluzioni culinarie.
è molto aromatico, con un lieve sentore di tostato, lascia un piacevole friccicorio alla lingua e da carattere a sapori delicati regalando personalità ai nostri piatti.
presto altri esperimenti, spero di trovare il tempo.


zucchine piccole ben sode
olio extra vergine di oliva sativa ai fiori di canapa marina colonna
sale
sale nero di cipro
provolone dolce a fettine sottili
pane a piacere
pepe bianco macinato (facoltativo)


un sandwich gustosissimo, con i sapori un pò diversi dal solito nonostante gli ingredienti siano pochi e semplici: il segreto sta nel nuovissimo olio sativa di marina colonna, un extra vergine di oliva aromatizzato ai fiori di canapa che lascia un sentore tostato, molto particolare, appena presentato al taste di firenze con ottimi riscontri .
io lo sto sperimentando e non vedo l'ora di provarlo con quello che ho in mente, ma devo prendere gli ingredienti.
io l'ho usato con quel che avevo in casa, per un pranzo veloce in solitudine, ma con una presentazione diversa può diventare un ottio aperitivo o un antipasto sfizioso.

tagliare le zucchine a fettine sottili e condirle con l'olio e un pizzico di sale. lasciarle riposare per una mezzora mescolando un paio di volte, per far prendere bene il sapore.
io le ho cotte nella friggitrice ad aria, ma può andare anche una padella antiaderente.
comunque nella friggitrice ad aria per 40 min. circa a 200°, mescolando di tanto in tanto.
imbottire il panino con fette di provolone dolce, poi abbondanti zucchine, cospargere con una macinata di sale nero e.... buon appetito!




un'altra presentazione, anche questa fatta con il cuore: due giorni fa si è realizzato un sogno (un altro!) di una persona speciale per me e speciale di suo.
un'amica che ho lasciato a milano, una ragazza funambolica, un passo avanti, un'intelligenza vispa e spiritosa, una sensibilità che si distingue, un occhio per i particolari, un'attenzione e una curiosità morbose verso tutto, un cervello con una marcia in più, che ora vive la vita che voleva, dopo averla pagata a caro prezzo.
l'importante è il risultato, e direi che non c'è fiaba più bella della felicità.
ecco, lei, con il suo attuale compagno, hanno scritto a quattro mani la loro storia, hanno raccontato la loro dis-ordinary family con una scrittura all'altezza della grande letteratura italiana. anzi meglio di tanta roba che si trova oggi in libreria.
io questo lo dico a scatola chiusa, perchè il libro non l'ho ancora letto, aspetto di acquistarlo oggi in occasione della presentazione che ci sarà questo pomeriggio alla mondadori di via marghera a milano, ma ho letto i suoi (e il loro) precedenti romanzi (seppur particolari nella loro trama, che può non piacere a tutti), e leggo ogni giorno la loro pagina facebook e la scrittura è assolutamente affascinante, intrigante, divertente, commovente... insomma ogni volta un'emozione.
va bè, io lo compro e me lo sbrano, voi fate un pò come volete, lo trovate in tutte le librerie e online in versione kindle, edito da sperling & kupfer :-D

dis-ordinary family: storia di una famiglia non convenzionale







giovedì 15 marzo 2018

pollo con bacon all'olio alla salvia


va bene, ieri maniche corte e scarpe da ginnastica, oggi ombrello,piumino e stivali con il pelo.
cerchiamo di capirci, è marzo, non maggio e nemmeno dicembre.
comunque basta decidersi, e ci si regola (e ci si veste) di conseguenza.
fra sbalzi di temperatura e di umore al seguito siamo arrivati anche questa volta al fine settimana in un lampo, e il tempo non è avanzato neanche stavolta.
giusto quello per preparare un secondo veloce e sfizioso, che da vita nuova alla tristerrima carne di pollo, qualche foto e un saluto, in attesa di tempi migliori.
forse ;-D

per 4/6 persone

6 cosce di pollo bio
12 fette di bacon affettato sottile
olio alla salvia marina colonna
1 presa sale grosso

tovaglia green gate
di una semplicità imbarazzante, ma un risultato sorprendente, con pochi ingredienti e sapori intensi che lasciano una bella bocca.
togliere la pelle dalle cosce e arrotolarci un paio di fette di bacon.


appoggiarle in una pirofila, condire con un filo di olio alla salvia e una piccola presa di sale grosso ed infornare a 200° circa per un'ora, rigirando le cosce o bagnandole spesso con il sughetto.
una volta ben dorate servire ben caldo con spinaci o patate.


buon week end, e al prossimo pasticcio!
ciaoooooooooooo